Giocare in Borsa è un falso mito

Giocare in Borsa

Giocare in Borsa è un falso mito

Ecco perché

Giocare in Borsa è un falso mito

Nell’immaginario collettivo l’investitore è  considerato come un gambler che punta sul rialzo o ribasso di un titolo, al pari di uno scommettitore sportivo.

Mai mito fu più falso di questo.

In realtà, per rimanere a lungo sui mercati è indispensabile neutralizzare la componente “ludica” e affrontare tutto in maniera fredda e lucida. Per abbandonare l’idea della scommessa, del “giocare in borsa”, si può coltivare la buona abitudine di calcolare ex ante le probabilità di successo e il rapporto rischio/rendimento. Per fare questo, potremmo anche simulare la nostra linea di azione, prima di assumerci un rischio elevato. Insomma, l’unico movente deve essere per noi il profitto e per raggiungerlo bisognerà essere rigorosi nell’implementare delle routine (anche noiose) che mirano al controllo costante dei risultati.

E cosa sarebbe una routine senza regole? Il trading (anche part time) non va inteso come un hobby da improvvisare: è una vera e propria attività da gestire con regole, un’attività a cui dare una dimensione imprenditoriale. Senza dilungarci oltre, ecco alcune regole indispensabili, che potresti fare tue una volta scelto di iniziare ad operare sui mercati finanziari:

 

  • Decidere quanto si vuole risparmiare: ad esempio il 10% del reddito;

 

  • Stabilire la percentuale di rischio che si è disposti a correre: ad esempio non più del 10% su una stessa asset class;

 

  • Stabilire quale percentuale dei profitti si vuole trasformare in rendimento: mettere da parte una % dei profitti realizzati;

 

  • Programmare degli step a bonus: è gratificante premiarsi al raggiungimento di “micro traguardi”

 

  • Ottimizzare l’asset allocation: bisogna assolutamente diversificare il rischio al crescere del capitale

 

Per ricevere GRATUITAMENTE sulla propria Email gli articoli di notizie sul mondo della Finanza iscriviti alla nostra Newsletter Free

ABOUT THE AUTHOR

wp@manager